Vacanza studio Oxford – Appunti di viaggio

 

Per molti di noi il nome di Oxford rievocava, fino a qualche giorno fa, soltanto antichi collegi universitari e il nome della casa editrice dei nostri libri scolastici in inglese.  Grazie alla vacanza studio organizzata dall’Istituto, presso The Oxford English centre,  un gruppo di 13 studenti dell’Istituto S.Ceccato ha potuto immergersi nell’atmosfera incantata di questa città che, tra le mura dei suoi sontuosi collegi, nel verde dei suoi tranquilli parchi, nelle antiche librerie, ha ispirato scrittori come L. Carroll, J.R.R. Tolkien e C.S. Lewis ed è stata città di studio di personaggi come Oscar Wilde, Indira Ghandi e Margaret Thatcher.

Il soggiorno è stata una reale occasione per i ragazzi di immergersi  totalmente in una cultura diversa, quella anglosassone, ma anche di confrontarsi e di comunicare con altri studenti presenti nella scuola provenienti da Argentina, Spagna, Francia e Taiwan. Tutte le attività previste dal college offrivano infatti l’opportunità agli studenti di interagire con le altre nazionalità presenti nel college.

 

Le giornate erano ben scandite: al mattino i ragazzi, sempre accompagnati dal loro group leader di riferimento e da un Activity leader locale, erano impegnati in un ventaglio ampio di attività che andavano dalle passeggiate rilassanti lungo il fiume Tamigi, lontani dalla ressa di studenti e turisti che affollano Cornmarket street,  alle competizioni sportive con gli altri studenti presenti, alle visite culturali al Trinity college e al Christ Church di Oxford, dove gli studenti hanno potuto vedere alcune stanze rese celebri dal famoso film Harry Potter girato proprio in questi luoghi.  Da non dimenticare una delle attività preferite dai ragazzi, il Punting on the river, una vera prova di destrezza in cui i ragazzi si sono divertiti a sfidarsi nel difficile tentativo di non cadere in acqua.

 

Dopo una rilassante pausa pranzo presso il meraviglioso Oxford University park o presso Fernando’s cafè, il nostro preferito tra i locali convenzionati con la scuola, si entrava nel vivo delle lezioni scolastiche, dalle 13.15 alle 16.30. Lezioni molto coinvolgenti, focalizzate soprattutto sulla comunicazione e sulla pratica linguistica. Dopo una prima settimana in cui tutto sembrava difficile, già nella settimana successiva gli studenti hanno riconosciuto di iniziare a capire di più e anche i più timidi hanno iniziato a sciogliersi e a comunicare con i propri compagni di diversa nazionalità.  Poi finita la scuola, non era certo finita la nostra giornata: ritorno a casa con i bus locali, cena in famiglia e poi via di nuovo sul bus per ritrovarsi con i compagni di scuola per condividere le attività serali, sempre varie e divertenti: Barbecue, Karaoke, Quiz show, cinema in lingua inglese e, infine, gelato in compagnia prima di prendere il bus che ci riportasse per le 22.30 a casa, orario del “coprifuoco” previsto dalla scuola.

 

Da non dimenticare le gite nei week end: Warwick Castle, per un tuffo nel Medioevo, e Stratford upon Avon, sulle tracce del grande William Shakespeare, per il primo sabato e due giornate dedicate ad esplorare Londra. Indimenticabile, per tutti noi, l’emozione di vedere questa città dai 135 metri di altezza del London eye. Un modo per salutare questa città e per festeggiare la nostra partenza per Montecchio maggiore, consapevoli di aver vissuto una grande opportunità di crescita culturale, di miglioramento linguistico, ma anche di maturazione personale.